lunedì 27 settembre 2010

sotto la cravatta regimental

Quando si era in tempi di guerra fredda e di democrazia cristiana, io andavo ad una scuola di sinistra, avevo una famiglia di sinistra, frequentavo gente di sinistra: I know my chicken.

E la sinistra italiana, in quei tempi lontani, era - dall'autonomia operaia al PCI, una sinistra sostanzialmente comunista, sia quella parlamentare sia quella gruppettara. E quel passato pesa come un macigno, oggi: il far riferimento ad una ideologia politica fondata sulla creazione dell'Uomo Nuovo, del Mondo Nuovo, via abbattimento dell'esistente, è la premessa dello sfacelo di oggi. Mentre infatti ovunque altrove la sinistra accettava la responsabilità del governo, con tutto ciò che consegue necessariamente in termini di compromessi con la realtà, in Italia sognava - complessivamente - la rivoluzione. Anche lo stesso PCI, da un lato pragmaticamente accettava le briciole della spartizione elargite dalla DC e si acquattava negli spazi che gli venivano consentiti dalla democrazia liberale: una rete TV, il mondo dello spettacolo, il sindacato, le cooperative, dall'altra poteva - tenendosi alla larga dal governo - continuare a cullarsi con i suoi lontani orizzonti, il sol dell'avvenir, e a ninnarci il suo elettorato. Orizzonti tanto più certi quanto più lontani. Era, quella, una forma di compromesso che consentiva di rimandare a data da destinarsi il necessario confronto con la realtà del fallimento del modello socialista. Poi, nel 1989, la realta si è manifestata in modo in equivocabile - come è suo uso - lasciando i nostri con un bel paio di braghe al posto del rosso vessillo.

Oggi, quella sinistra lì, che ha il pregio di avere esercitato una sua qualche forma di politica, e di avere - se pur tardivamente - riconosciuto i suoi errori, è divisa tra la vergogna di se' e l'incapacità e la disabitudine a prendere in mano il potere e gestirlo. Prova a fare politica ma non ci riesce, perchè insieme al bambino ha buttato l'acqua sporca: un contraltare al partito di Berlusconi inefficace e inappetibile, anche se l'unico che abbiamo.

L'altra sinistra, quella gruppettara, invece, quella che di mediazioni e di compromessi non voleva neppure sentir parlare, quella che occupava i feudi delle scuole e delle università, e sognava la revolucion mentre confezionava molotov ed espropri proletari, oggi si è riversata in massa nel partito del non voto, o del voto-per-restare-all'-opposizione: magari ha tagliato barba e capelli ma è sempre la stessa: chi ha sempre considerato lo stato italiano, la costituzione, degli orpelli borghesi da abbattere con la rivoluzione proletaria, nel "non voto" si ritrova perfettamente a casuccia, anche se oggi invece delle molotov sfoggia un leggiadro ghigno di nonchalance, e magari una splendida cravatta regimental.

Chi è al governo militarizza la scuola? E chissenefrega? Lo stato borghese è da abbattere, non si può sanare. Simboli dei partiti nelle istituzioni? Chissenefrega, la costituzione è una farloccata nata da un lurido compromesso con i cattolici, che vada a farsi fottere. L'università sta per chiudere? Chissenefotte, morte allo stato borghese e alle sue istituzioni...

Cari buoni vecchi trinariciuti di una volta, avrete tagliato la barba e vuotato le bottigliucce di benzina, ma continuate a godere del tanto peggio tanto meglio, continuate ad applaudire alle macerie dello "stato borghese": sotto vostra la cravatta regimental batte un cuoricino molto radical, anche se tutto sommato assai poco chic.

29 commenti:

Shylock ha detto...

Pare di leggere Uriel: hai presente, quando gli appare in sogno il pisello di Jimi Hendrix che gli conferma che lui e' l'unico Prescelto e allora, tutto ringalluzzito, sale sulla sua cassetta di birra rovesciata e ricostruisce la storia segreta del mondo secondo la X Mas, e lui ha capito tutto della vita, dell'universo e tutto quanto e gli altri sono solo dei servi farlocchi degli angloariani?
Ecco, sostituisci qualche dettaglio come 'angloariani' con 'comunisti' ed hai il tuo post.

rosalux ha detto...

Taci, comunista!

Yossarian ha detto...

Anche lo stesso PCI, da un lato pragmaticamente accettava le briciole della spartizione elargite dalla DC e si acquattava negli spazi che gli venivano consentiti dalla democrazia liberale

Le "briciole"? La spartizione "elargita" dalla DC?

Posto che il PCI non e'"the root of all evil" e su questo possiamo anche concordare, cosi' come posso anche concordare su alcune delle cose che dici nel post, la spartizione l'hanno fatta e voluta in due: dimentichi che l'Italia era divisa in due.

Non facciamo del PCI una povera vittima che si e' acquattata negli spazi concessi dalla DC.

E' un modo come un altro per evitare le responsabilita': la colpa era della DC cattiva che si e' appropriata degli "spazi".

L'Emilia Romagna e tante altre regione e citta' governate (bene) dal PCI piu' enormi settori della vita pubblica e privata italiana (cultura compresa) erano gestiti dal pCI, e mi vieni a dire che la DC elargiva le briciole?

E i patti sulle fabbriche "decotte"? E i patti coi sindacati?

Mi stai venendo a dire che il PCI era una vittima che doveva accontentarsi di giocare di rimessa?

Mi sa che sei rimasta all'ottica dell'epoca.

נחום ha detto...

Ci sarebbero un sacco di cose da dire, ma dopo aver incrociato questa parte del tuo post, ho capito che scherzavi.

---
quella sinistra lì, che ha il pregio di avere esercitato una sua qualche forma di politica, e di avere - se pur tardivamente - riconosciuto i suoi errori
---

Dove e quando fragola la sinistra ha riconosciuto i suoi errori?
Per esempio: a proposito di Israele?

rosalux ha detto...

yossarian: non voleva affatto essere una difesa del PCI; al contrario! Se la presa di coscienza fosse avvenuta in tempo utile, sarebbe caduto il veto e avrebbe potuto governare: preferì invece la logica spartitoria e il sogno intonso. Ma è una colpa, quella di non avere da subito preso le distanze dall'URSS.

nahum: mi riferivo specificamente al progressivo, lento e tardivo allontanamento dall'URSS e dal modello del socialismo reale. Quanto a Israele, mi pare che Craxi o Andreotti non siano stati particolarmente più teneri, quanto all'oggi, Berlusconi è pappaeciccia con Putin e Gheddafi: tra la lega è dichiaratamente antisemita, e la sinistra alla Diliberto, direi che i meno ostili verso Israele in Italia sono proprio nel PD.

Yossarian ha detto...

@Rosa

preferì invece la logica spartitoria e il sogno intonso. Ma è una colpa, quella di non avere da subito preso le distanze dall'URSS.

Ok, siamo piu' o meno d'accordo.

direi che i meno ostili verso Israele in Italia sono proprio nel PD.

Rosa, con tutto il rispetto stai mettendo la testa sotto la sabbia. Io non ce l'ho pregiudizialmente con la sinistra: ce l'ho a morte con quello che e' diventata: uno schieramento ( e non solo in Italia) che non e' affatto progressista.

E non e' piu' una minoranza Rosa: ormai i reazionari rossi sono gli azionisti di maggioranza.

Ripeto: il mio non e' un pregiudizio contro la sinistra in generale: e' un'avversione contro questa sinistra, e mi pare che tu non riesca a renderti conto che la sinistra in tutto il globo e' allo sbando e continuare a dire "sono una minoranza, sono meno antisemiti di x", oltre a non corrispondere alla verita' non vi permettera' MAI di riflettere e di tornare a essere un partito progressista.

נחום ha detto...

ah, quindi "riconoscere i suoi errori" sta per: "dopo la caduta dell'URSS, il PCI, o quel che ne e', si e' trovato in braghe di tela e ha scontato la emarginazione di Fatah". Effettivamente la tua scelta brilla per brevita' e senso dell'umorismo. Come pure la sottintesa certezza che un eventuale governo dell'Ulivo avrebbe con Putin e Gheddafi un rapporto diverso da quello di berlusconi, che si sa e' cattivo. LOL, ottima battuta davvero. Divertente il tuo blog.
Lo andiamo a raccontare alla CGIL, quella della manifestazione con bara, che il PCI ha riconosciuto i propri errori? O magari chiediamo a D'Alema, uno che poi ne parla con l'amico Capucci?

rosalux ha detto...

Yossarian: "E non e' piu' una minoranza Rosa: ormai i reazionari rossi sono gli azionisti di maggioranza."

rosa: ma è proprio quello di cui parlavo: hanno tradito il sol dell'avvenire! Siete rimasti uguali! Personalmente, trovo che termini come "progressista" o "sinistra" siano inadeguati all'attualità: la sinistra mondiale è in crisi perchè il crollo del socialismo reale si è portato dietro il crollo delle socialdemocrazie. Gli stumenti di cui la sinistra disponeva sono inefficienti e inadeguati, e si naviga a braccia. Non vedo all'orizzonte geni della politica, ma mi accontento davvero di gente che non mi rada al suolo la costituzione, non mi pialli la scuola e l'università, e che non governi con slogan e iniziative fasciste, al momento.

nahum: yawn, sì, stavo parlando di Israele?

נחום ha detto...

Oh, ma se vuoi parliamo dei preti negli ospedali in Toscana. Vedo che eviti l'argomento. Quella e' la sinistra che ha imparato dai propri errori, giusto?
Evidentemente (cit.) tu hai imparato a sbadigliare quando si parla delle vittime del razzismo antisemita.

rosalux ha detto...

Ho imparato a sbadigliare quando si continua ad andare fuori tema.

נחום ha detto...

Oh si'. Benaltrismo si chiama. Ricordati di avvisare, in caso ti svegli dal letargo.

Shylock ha detto...

@Rosa:
"la lega è dichiaratamente antisemita".

Hai dichiarazioni di leghisti in questo senso?
Sul serio, m'interessa.

rosalux ha detto...

Quelle ci sono te le posso pure trovare, ma se pensi che la padania s'è beccata quell'avanzo rimasticato di Blondet, penso che possa bastare, o no?

Shylock ha detto...

Blondet alla Padania me l'ero perso (ma se l'erano preso pure all'Avvenire): ci ha scritto o ci scrive ancora?
Comunque m'incuriosivano di piu' dichiarazioni di politici leghisti di spicco, se le hai.

Yossarian ha detto...

@Rosa

Gli stumenti di cui la sinistra disponeva sono inefficienti e inadeguati, e si naviga a braccia.

Direi che possiamo essere ragionevolmente d'accordo.

Una osservazione: Shylock ha ragione Rosa: da quando la Lega e' antisemita (a parte l'occasionale nazistoide)?

Semmai sono antisemiti contro gli altri semiti con cui siete imparentati.

Scusa, ma e' per accuratezza storica: non ci sono implicazioni di merito o tentativi di giustificare la Lega. Non mi va di passare per un sostenitore di Borghezio come puoi facilmente imaginare.

rosalux ha detto...

Appena ho un po' di tempo cerco le dichiarazioni, che avevo letto: l'assunto è quello vecchio come il mondo, i "mondialisti" ebrei sono responsabili dell'immigrazione. Ma se vi ho appena detto che sull'organi di partito ci scrive Blondet! (dopo che è stato cacciato dall'avvenire per antisemitismo), un tizio di un antisemitismo ai limiti del nazismo! Dico, come fa questo dato a sembrarti trascurabile, nel giudizio di quel partito?

(qua alcuni articoli sulla padania, di Blondet e non)

http://www.informazionecorretta.it/find.php?find=padania&x=0&y=0

Anonimo ha detto...

http://www.wolfstep.cc/2010/09/il-grido-della-nerchia-terrorizza-la.html?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+Uriel_life+%28WOLFSTEP%29

Ma allora il TROLLONZONE aveva ragione!!!!

E Bossi e' un goliarda genialissimo: S.P.Q.R. non la si sentiva da decenni!

Con lo slogan "Roma Ladrona!", Bossi influenza da 20 anni i destini del QUINTO paese piu' civile, piu' evoluto e piu' industrializzato del mondo. (Con il SUD che mangia e succhia e non produce)

Meglio di Grillo! Bossi ne ha messi insieme 30 milioni di Italiani, mica 2000, insieme con l'altro "goliarda" che si chiama Berlusconi.

I vincitori del Nerchianera avevano i goliardi sotto il naso non se ne erano accorti. I goliardi che ridono per il gusto di ridere, che cantano con Apicella melodie napppuletane, che vanno alle feste di compleanno delle minorenni, che si portano le puttanone a Palazzo... che si godono la vita, che si inventano una nuova etnia: quella "Padana", che si divertono a celebrare riti goliardici e che si sbronzano tutte le sere.
E arrestano migliaia di mafiosi!

Viva la Goliardia!

Ettore Gonzaga

נחום ha detto...

Ah, ehm. Lo scopritore delle gesta di Blondet in Internet sono io, quando quel coso buffo era tra gli ispiratori di it.cultura.cattolica [ere geologiche fa]. Che sarebbe il gruppo Usenet da cui e' nata la rivista cattolica di destra Il Timone, la cui redazione, e non scherzo, la avevo piu' o meno sotto casa (1). Il cui moderatore, del gruppo, se la prese cosi' male per le mie attenzioni che rimediai addirittura una querela.
Dunque, e' vero che la intellighentzia, chiamiamola cosi', della estrema destra, tipo Ordine Nuovo, cacciata da AN a calci in culo, ha trovato ospitalita' nella Lega, e ci ha pure portato la propria ideologia complottista ed antisemita - particolarmente durante la guerra nei Balcani, quando la Lega era filo-serba. La Lega era anche in cerca di voti, di personale e di una qualche ideologia che si adattasse al suo elettorato. E ha trovato questa gente. Con alcuno dei quali, la' nella Padania dove sono cresciuto, ho pure fatto a cazzotti.
Ma non e' durata, e un poco alla volta le poltrone piu' importanti sono state date a gente piu' fidata e cresciuta all'interno del Partito. Blondet qualche volta scrive sulla Padania, ma, come gran parte di quella gentaglia, si e' scoperto antimperialista e porta assieme a loro la sua cazzo di carica antisistema e comunitarista presso altri lidi.

(1) Peraltro quella era l'epoca in cui qualcuno ebbe la bella pensata di affidare la moderazione di it.cultura.ebraica a un tizio di estrema destra. E una volta beccato con le manine nella marmellata se ne usci' dicendo che i genitori di quel tale erano si' repubblichini (vero), ma "ferventi sionisti" (balla fragorosa).
Quindi, Rosa, siccome sostieni che l'ex PCI si e' reso conto dei propri errori ed ora e' il migliore amico del mondo ebraico, e che ha buone relazioni con Israele, che dire di questi ferventi sionisti repubblichini? Facciamo che AN e' la migliore scelta elettorale? Dopotutto anche loro si sono resi conto dei loro errori, no? Dico, si tratta di (ROTFL) "ferventi sionisti".

Shylock ha detto...

@Nahum: "Ah, ehm. Lo scopritore delle gesta di Blondet in Internet sono io."
Un vero talent scout, insomma. ;-)

@Rosa: ma queste roboanti dichiarazioni antisemite dei leghisti quando arrivano?
(La curiosità mi attanaglia.)

rosalux ha detto...

Per ora dovrai accontentarti del fatto che il loro organo di partito s'accatta il giornalista più antisemita del paese: se e quando troverò altro ti farò sapere, nei tempi e nei modi che più mi aggradano. A me, comunque, quando qualcuno che sembra un fascista, parla come un fascista, pensa come un fascista, si comporta come un fascista, pubblica gli articoli di Blondet, basta per classificarlo come un antisemita di merda.

London Alcatraz ha detto...

Per ora dovrai accontentarti del fatto che il loro organo di partito s'accatta il giornalista più antisemita del paese:

Vuoi dire che i giornalisti del Manifesto sono passati alla Padania?


Yossarian

rosalux ha detto...

Deduco senza ombra di dubbio che non hai mai letto Blondet. (hai fatto benissimo, non è davvero una gran lettura)

נחום ha detto...

wow, la appassionante gara a chi e' meno antisemita.

rosalux ha detto...

Già, e la vince Ciarrapico, vero?

נחום ha detto...

Mah, mi dicono che nel suo partito ci sarebbero dei "ferventi sionisti". A Geniva, per la precisione. Il figlio era uno attivo su Usenet, lo conosci?

rosalux ha detto...

No, chi cazz'è?

נחום ha detto...

L'autore di questo post pare conoscere bene questo ex repubblichino fervente sionista. Quando gli ho chiesto se poteva essere piu' preciso ha sempre rifiutato. Deve essere un po' incazzato con me, a giudicare dal linmguaggio
Message-ID:
Tu magari hai rapporti piu' sereni con lui, pertanto magari a te la spiega, questa appassionante storia di repubblichini che hanno cambiato idea. E io do' per scontato che sia vera, questa storia di, chiamiamola, conversione.
Dico, se crediamo che chi stava nel PCI si sia reso conto dei propri errori, perche' non dovremmo fare lo stesso con degli (ex) repubblichini?

rosalux ha detto...

Non c'è l'ID, comunque non c'è alcun motivo per non farlo con gli ex repubblichini infatti. Mai pensato che la gente non possa cambiare idea: per contro di sicuro i fascisti della lega e ciarrapico non hanno cambiato una cippa di niente.

נחום ha detto...

Nemmeno l'antisionista D'Alema ha cambiato granche': ritieni che abbia imparato qualcosa dai propri errori? E poi, pesa di piu' Ciarrapico nella destra o D'Alema nella sinistra?