mercoledì 20 maggio 2009

lettera ai genitori

Visto che si parla di scuola, e si sente ripetere costantemente che la sinistra non fa nulla e la destra ha buon gioco perchè "riconosce i problemi"- da chi scambia una campagna di marketing per attivismo - mi limito a copincollare una lettera dei presidi del Lazio ai genitori, che circola per le scuole elementari in questi giorni. Chissà che bene farà questa situazione a risolvere "l'emergenza immigrati".

Qua non si tratta di destra o sinistra, il mondo di prima semplicemente sta venendo triturato, e ora ci divertiremo con la sanità.

Faceva schifo, il mondo di prima ma lo rimpiangeremo e pagheremo tutti.

Scuola, una lettera choc a 200.000 genitori

19/05/2009

Questa lettera è stata inviata oggi - martedì 19 maggio - da molti dirigenti scolastici del Lazio ai genitori degli alunni delle loro scuole. Tratta del futuro della scuola. Ha un titolo serio ("Grave situazione finanziaria della scuola") e un contenuto allarmante.

Gentili genitori,

Questa lettera viene inviata contemporaneamente da centinaia di dirigenti scolastici delle scuole statali del Lazio per rendere pubblica la grave emergenza finanziaria in cui si trovano le scuole. Abbiamo pensato di informare direttamente i nostri utenti riassumendo le cause e le conseguenze di questa emergenza.
Le cause dell’emergenza:
A cinque mesi dall’inizio del 2009 non abbiamo avuto neanche un euro per il funzionamento quotidiano delle scuole.
Dal corrente anno i fondi per pagare le supplenze sono stati ridotti del 40%.
Non abbiamo i soldi per pagare le visite fiscali che sono obbligatorie.
Non abbiamo i soldi per i corsi di recupero che sono obbligatori.
Le scuole statali italiane devono avere dallo Stato circa un miliardo di euro per spese legittimamente affrontate negli anni passati e mai rimborsate dall’Amministrazione.
Circa il 52% degli edifici scolastici del Lazio non ha le certificazioni relative alla sicurezza e le aule sono quasi tutte sovraffollate.
A questa situazione si aggiungono i pesanti tagli del personale docente e del personale ATA (bidelli e amministrativi). Nel Lazio: 3.211 docenti in meno già dal prossimo anno scolastico e parecchie centinaia di bidelli ed amministrativi in meno. Tutto questo nonostante l’aumento degli alunni iscritti.
Le conseguenze sui vostri figli:
Scuole costrette ad elemosinare persino la carta igienica e le fotocopie.
Alunni che restano senza docente per un gran numero di ore.
Forte riduzione del recupero scolastico e dei progetti educativi non finanziati direttamente dai genitori.
Azzeramento dell’ora alternativa all’insegnamento della religione nelle scuole medie e alle superiori.
Aule chiuse perché inagibili e progressivo aumento del rischio di incidenti.
Siamo convinti che il problema più grave in questo momento sia la scarsa informazione sulle reali condizioni della Scuola Italiana da parte della società civile (e non solo della politica) che fa sì che si investa poco e male nell’istruzione e nella formazione, uniche garanzie per il futuro del Paese. Per cambiare questa situazione abbiamo bisogno di Voi e del Vostro sostegno.
I Dirigenti scolastici delle scuole faranno di tutto per garantire il diritto allo studio e, nello stesso tempo, il contenimento della spesa. Ma nelle attuali condizioni le due cose non sono più conciliabili.
La Scuola è di tutti noi in quanto genitori, cittadini, lavoratori, operatori. E’ importante intervenire prima che sia troppo tardi. Vi invitiamo allora a diffondere questo appello con tutti i mezzi a disposizione, facendo pressione nei confronti dei diversi soggetti coinvolti: Ministero, Comuni, Province, Regione, forze politiche e sindacali
L’Associazione delle Scuole Autonome del Lazio invierà una lettera ai cinque prefetti della regione, in quanto garanti dei servizi pubblici e convocherà un’apposita conferenza stampa.
Grazie fin d’ora per il vostro sostegno.
Il Dirigente Scolastico



44 commenti:

Anonimo ha detto...

Posso testimoniare di persona che _tutti_ i ministri dell'istruzione di cui abbia memoria, dalla Falcucci in poi, hanno fatto schifo.
E con tutti ci sono stati tagli di risorse, regali ai preti e alle private (che 99 su cento coincidono), riformismo cialtrone, etc.
Poi c'è chi ha goduto di maggiore o minore stampa (a seconda del grado d'impresentabilità personale) e/o opposizione da parte dei sindacati (buoni, quelli) e dei pischelli politicizzati.
Ma quella è l'unica differenza sostanziale.

Shylock

Yossarian ha detto...

Ah, davvero? E di grazia, dove si trovano nel mio post le frasi 'riconosce i problemi' ed 'emergenza immigrati'?

Ma tu ovviamente, del mio post hai letto solo le paroline magiche 'sinistra' ed 'etno-chic' e ovviamente e' scattato il cortocircuito ideologico.

Come quei robot giocattolo che vanno a sbattere contro il muro e continuano a picchiare il testone finche' qualcuno non li ferma.

rosalux ha detto...

Coda di paglia, nh?

No, veramente mi riferivo a un commento (non tuo) nel post precedente.

Tu peraltro l'avevi preannunciato, che contavi di fare una bandiera di quel luogo comune del foglio, chissà poi perchè.

Mi sa che non ti rendi conto da laggiù di quanto questa storia sia diventata un clichè ossessivo.

Sperando che passi l'intossicazione, ti saluto con un link del buon vecchio radical di riferimento.

http://www.gadlerner.it/2009/05/20/cosi-il-foglio-diffama-il-popolo.html

rosalux ha detto...

Ah, non pensare che ogni volta che ne scrivo mi riferisca a qualcosa che hai detto tu. Come vedi dal link che ti ho passato, le sparate sulla sinistra al cumino si leggono sui giornali, si sentono in TV, si ascoltano nei commenti sugli autobus, in ogni possibile accezione e variazione e applicate ad ogni possibile posizione (?) della sinistra (?). Solo nei miei commenti, il coro è unanime: di certo non sei solo.

Quindi tieni presente che mi incazzo con il luogo comune che spari (insieme a 40 milioni di persone) e non con te.

se no va a finire che litighiamo e non ha molto senso.

Yossarian ha detto...

@Rosa: 'coda di paglia', hahaha, certo, e pure grossa. :-)

Ma sono in buona compagnia se basta dire 'cumino' e buuum ;-)

Litigare nel senso di 'communication breakdown', no Rosa,mai, quello sarebbe davvero volgare e da minus habens.

La tua intelligenza e francamente la tua onesta' intellettuale e morale (anche se voti per un partito terrificante, buhauhauhauha), non lo meritano.
E neanche le mie se permetti.

Mi sa che abbiamo un carattere e un modo di argomentare sinistramente simile e la rotta di collisione a volte e' inevitabile, devo ammetterlo.

Comunque mazzate si', e parecchie :-D

Tieniti in forma, ne avrai bisogno.

Ciao e buona serata

PS ora controllo il link

Paolo Bizzarri ha detto...

"Le scuole statali italiane devono avere dallo Stato circa un miliardo di euro ... Circa il 52% degli edifici scolastici del Lazio non ha le certificazioni relative...."

Ottimo esempio di come si mischia la rava e la fava. Il ministero è competente per le spese del personale e basta, praticamente.

La certificazione eccetera la devono fare comune, provincie e regioni. Quindi, se il 52% eccetera andate a bussare a casa di Uolter e degli altri sindaci della zona.

"Scuole costrette ad elemosinare persino la carta igienica e le fotocopie."

Allora lo strano sono io che sono cinque anni che porto scottex, pennarelli e donazione volontaria ogni anno alle diverse scuole di mio figlio (materne e elementari)?

"Aule chiuse perché inagibili e progressivo aumento del rischio di incidenti."

Vedi sopra. Delle aule se ne occupa il Comune e la Provincia. Se le aule di Roma (o del Lazio) sono inagibili, deve intervenire Provincia e Comune.

La facciamo finita con le palle alzate al Berlusca?

Anonimo ha detto...

...aggiungo che i presidi, dopo i sindacati, sono quelli che hanno meno titolo a lamentarsi: miracolati a suo tempo da principeschi aumenti di stipendio e da un ruolo dirigenziale cui corrispondono responsabilita' risibili e, nella stragrande maggioranza dei casi, capacità manageriali inesistenti, sono stati negli anni lo zelante braccio armato burocratico del ministero di turno.
E adesso frignano?

Shylock

rosalux ha detto...

x yossarian: mah, boh, altro che in forma, ho due palle che sembrano mappamondi.

rosalux ha detto...

x paolo bizzarri: uolter sto cazzo: il sindaco di roma è alemanno-butto-sessanta-milioni-nella-festa-della-polizia: e comunque che il governo si occupi "solo" del personale mi pare un'affermazione da cappottarsi da ridere. E' "solo" responsabile delle classi sovraffollate, della mancanza di supplenti, della mancanza di doposcuola, della riduzione dell'orario: tutte cose notoriamente propedeutiche a risolvere il problema della quindicenne cinese che non parla la lingua, giusto? E che dire del capolavoro delle visite fiscali obbligatorie, che però non possono essere pagate perchè non ci sono i soldi?

Anonimo ha detto...

Sì, certo, quando c'era Rutelli poi, il Tevere era biondo di tutto il latte&miele che ci scorrevano...
Ulteriore riprova che questo è un Paese gestito da parolai inetti e la scuola è pure peggio della media:
http://www.repubblica.it/2009/05/sezioni/scuola_e_universita/servizi/pisacane/pisacane/pisacane.html
Della serie: guardare la manicure dell'unghia del dito e non la luna che ti sta cadendo in testa.
90% di bambini stranieri non è neanche più immigrazione: è una pulizia etnica senza i carrarmati.
Certo, se si sta chiuse nel loft a inveire fino a ieri contro il popolaccio e ma di che si lamentano, abbiamo si e no il 3-4% d'immigrati, siamo ai minimi europei e del sistema solare, lune di Giove comprese...

Shylock

Paolo Bizzarri ha detto...

@rosa:
"uolter sto cazzo"
anche due se preferisce, ma non parlavamo di questo. Alemanno è sindaco da poco più di un anno. Veltroni lo è stato per otto, e Rutelli per dieci.

I certificati di cui parlano questi signori potevano e dovevano essere già fatti.

"che il governo si occupi "solo" del personale mi pare un'affermazione da cappottarsi da ridere"

Sarà, ma capisci, se mi parli di certificazioni non è materia di cui si occupa il governo, è materia di Regioni, Provincie e Comuni. Se Uolter avesse preso un caffèè di meno con Clooney e si fosse occupato di cose banali come le scuole, le scuole romane oggi sarebbero a norma.

Eugenio Mastroviti ha detto...

@Shylock: essù, una scuola col 90% di bambini immigrati in una situazione come quella italiana non è "pulizia etnica", fine del mondo, cani e gatti che vivono insieme: è un ghetto. Credevo che la cosa ti stesse bene, gli albanegri mica si può farli venire a vivere fra le persone civili, no?

rosalux ha detto...

x bizzarri: Per piacere, non essere manipolatorio. Sto dicendo che complessivamente l'azione di questo governo - nelle scuole - non è stata informata, come tu sostieni, da alcuna consapevolezza dei problemi. Li ha oggettivamente e gravemente peggiorati, oppure devi spiegarmi come possono le classi di trenta alunni, nessuna supplente a disposizione, insegnanti di sostegno con il contagocce "migliorare" alcunchè. La lettere NON è una lettera ideologica, è stata inviata a ministero, comuni e regione. L'ho pubblicata perchè smentisce palesemente la tua teoria secondo la quale la sinistra si gratta la pancia e la destra fa le cose.
E' propaganda, e delle peggiori. Mi spiace.

rosalux ha detto...

Peraltro, Bizzarri, cosa non capisci della frase "il mondo di prima faceva schifo"? Pensi che non lo sappia neanch'io che l'inefficienza è una tara di questo paese?

Paolo Bizzarri ha detto...

@rosa:

"Pensi che non lo sappia neanch'io che l'inefficienza è una tara di questo paese?"

Visto? Siamo perfettamente in disaccordo. Io penso che la tara peggiore di questo paese sia essere convinti di una fesseria del genere. Tipo quelli che ti spiegano "ma in Francia l'alta velocità costa molto di meno" e ovviamente non hanno mai guardato una cartina geografica.

Oppure che in Italia il rapporto docenti/allievi DEVE essere diverso rispetto agli altri paesi europei.

"non essere manipolatorio"

Scusa, io rispondo ai punti della lettera da te pubblicata. Cosa sto manipolando?

"Sto dicendo che complessivamente l'azione di questo governo - nelle scuole - non è stata informata, come tu sostieni, da alcuna consapevolezza dei problemi."

Oh, finalmente una tesi chiara ed esplicita.

Allora, cominciamo dall'inizio: questo governo NON si è fatto votare per le scuole. Si è fatto votare per:

a) ripulire Napoli
b) non vendere Alitalia ai francesi
c) abolire alcune tasse.

Cosa che ha fatto. Ora sta succedendo che, avendo abolito alcune tasse, ci sono meno risorse.

Quindi, bisogna TAGLIARE. Io non sono d'accordo sui tagli, ma questo non cambia di un millesimo il punto che questo governo sta attuando un programma per cui è stato votato.

Per cui, se vogliamo vincere non possiamo attaccarli perchè fanno quello che hanno promesso in campagna elettorale.

Bisogna convincere i cittadini che bisogna fare cose DIVERSE.

"L'ho pubblicata perchè smentisce palesemente la tua teoria secondo la quale la sinistra si gratta la pancia e la destra fa le cose."

Come no. Pubblichi una lettera dove sembra che questi dirigenti scolastici si sono svegliati ieri, e non sanno che i contributi si chiedono da anni alle famiglie (e lo sanno anche loro) e ne fanno motivo di scandalo.

TU forse non le sai queste cose. Io le vedo da un pezzo. E le sanno anche loro: hanno pubblicato tanto di lettera esplicativa sul loro sito.

farlocca farlocchissima ha detto...

l'edilizia legata all'istruzione è tutta uno sfacelo, ci sono aule e uffici universitari alla Sapienza di Roma in cui piove, vetri rotti e non da scontri-studenti-polizia ma dal vento o dalla vecchiaia, le strutture, i mezzi per costruire le generazioni future vengono ridotti ogni giorno, da tutti, come se il futuro non esistesse, come se tra qualche anno non ci fosse bisogno di una popolazione decentemente alfabetizzata (e non parlo di solo leggere e scrivere). ricordiamoci che un popolo ignorante è un popolo manipolabile. comunque sta storia del loft che continua a girare la trovo cretina, come se uno dentro a un loft non riuscisse a pensare... bah a me piacerebbe però un bel loft, magari con terrazza chesso sui fori imperiali... secondo me ci penserei benissimo dentro ;-)

rosalux ha detto...

x bizzarri: sbagli. non convincerai un evasore a votare un governo che vuole combattere l'evasione, perchè andrà contro i suoi interessi. Puoi vincere solo se chiami a raccolta tutti quelli che non amano che i protettori degli evasori stiano al governo, e cerchino di votare non secondo coscienza ma secondo efficienza. Io non sono responsabile delle tare del PD, sei tu un ex militante, io sono solo una elettrice, e vado dicendo che se la sinistra non si fosse dispersa in mille rivoli non avremmo berlusconi al governo, che è peggio della "solita merda" che ci mangiamo da sempre.
E' desolante, tutto ciò, ma io non sono una funzionaria del PD, protesta con qualcun altro. Io mi limito a non fare - come voi - il megafono di una destra che fa venire i brividi.

Anonimo ha detto...

Si', Eugenio, si': realizzare in vent'anni quello che negli USA si è fatto in due secoli, su basi istituzionali e culturali molto piu' solide e in un territorio immenso e semivuoto, chessarà mai.
Il problema sono io che sono nazifascioleghistablablahhh.

Per informazione, i tuoi figli a che scuola li mandi, in UK?

Shylock

Anonimo ha detto...

E tanto per chiarire, sono d'accordo con questa iniziativa:
http://corrieredelveneto.corriere.it/padova/notizie/cronaca/2009/21-maggio-2009/circolare-anti-clandestini-bufera-preside-1501380136814.shtml
Anzi, il permesso di soggiorno andrebbe chiesto _prima_ d'iscrivere i figli a scuola o usufruire di qualsivoglia servizio pubblico, pagato in massima parte da chi ha le carte in regola. Carte che i cittadini italiani sono tenuti ad esibire, senza che nessuno si scandalizzi.
Frankly, questo razzismo alla rovescia avrebbe leggermente sfracellato i coglioni.

Shylock

Anonimo ha detto...

Trovo corretto precisare a chi scrive da Londra e il Regno Unito che da quelle parti il fenomeno dell'"albanegrizzazione" avanza come in Italia. In alcune aree della citta' gli albanegri sono la stragrande maggioranza. E qui non si parla piu' di ghetti solo perche' il termine e' fuori moda: ma la realta' e' la stessa. E passi verso l'integrazione se ne sono fatti pochini.
E nelle scuole degli albanegri l'unico viso decisamente pallido e' quello dell'idraulico polacco che va a riparare i cessi puzzolenti delle fatiscenti e sovraffollate scuole della Regina Vittoria che hanno il vizietto di guastarsi un giorno si e un giorno no.
E gli ex-albanegri che hannno fatto strada (Diane Abbott MP, per esempio) mandano i figli nelle scuole private perche' nelle scuole dove vanno gli albanegri normali, che di "strada" nella vita ne hanno fatta e ne faranno poca, i figlioli non imparerebbero una mazza, rimarrebbero semi-analfabeti e si raffinerebbero al punto che tornati a casa dopo le lezioni si rivolgerebbero alla mamma come un vaccaro texano era solito rivolgersi ai buoi mentre li rinchiudeva nel recinto ai tempi del Far West.
Anche a Londra e in inghilterra i soldi son pochini e i problemi son tanti e certe politiche migratorie hanno portato al collasso praticamente di tutto, creando un "discontent" che ha portato, a livello nazionale, un milione di persone a votare per il BNP e a spostare l'asse politico decisamente a destra.
Sarebbe onesto che da Londra e lo UKKAY si facessero certe analogie con l'Italia, se non altro per non dare l'impressione di vivere a Londra e di leggere solo giornali italiani.
Giuseppe Massignani.

Paolo Bizzarri ha detto...

@rosa: "Io mi limito a non fare - come voi - il megafono di una destra che fa venire i brividi."

Sbagli. E l'evidenza è esattamente nella tua risposta:

"Non convincerai un evasore a votare un governo che vuole combattere l'evasione, perchè andrà contro i suoi interessi."

Te lo ripeto: la gran parte degli operai vota per la Lega. Sono tutti evasori? Gli operai?

Se formuli il problema in modo che sia insolubile, non puoi sperare di risolverlo.

rosalux ha detto...

Non è affatto insolubile. La sinistra aveva vinto, e se prodi avesse governato gente seria, senza la pletora di partitucoli a destra e a manca che hanno la sola funzione di rendere instabili e ingovernabili i governi di sinistra, e se avesse avuto i voti di "non voto a sinistra perche sono snob" o "non voto a sinistra perchè sono troppo cattolici" o "non voto a sinistra perchè sono troppo poco cattolici", ora semplicemente non saremmo nella situazione in cui siamo. Gli operai votavano già lega, eh? (non tutti ovviamente).
Sono davvero convinta che andare dietro alla lega, o a berlusconi, per riprendere gli operai che votano lega sia per-dent-te.

Paolo Bizzarri ha detto...

@rosa: "se prodi avesse governato gente seria"

Minchia, uno che ha aumentato le tasse ai cocopro per regalare i soldi a Confindustria.

"Sono davvero convinta che andare dietro alla lega, o a berlusconi, per riprendere gli operai che votano lega sia per-dent-te."

E chi dice il contrario? Il tuo problema è che tu non vuoi andare a sentire cosa dicono gli operai (o i cocopro, o gli imprenditori, o tutti gli altri).

Loro ti dicono "ho un mal di pancia" e tu gli rispondi "razzista! evasore! fascista!" eccetera. GUARDA CASO, poi non hanno voglia di votare per il tuo partito.

rosalux ha detto...

Ti faccio notare che sei tu che stai dicendo che gli operai sono fascisti e razzisti, quando dici che "gli operai votano lega". Non lo dico io.
Perchè la lega non prende voti curando mal di pancia, ma inventando un capro espiatorio e disinfettando vagoni. Quindi, caro il mio "operaista", quelli che votano lega saranno senza meno fascisti, più o meno convinti, e gli altri non lo saranno.
Non si capisce per quale motivo gli operai dovrebbero essere giudicati con un metro diverso dagli impiegati, o dai parrucchieri, o dai professionisti.

rosalux ha detto...

Sei tu, ad avere un atteggiamento da "elite" quando consideri l'operaio una specie di "unto del signore" intoccabile e ingiudicabile, i cui istinti debbono essere diretti dalla classe politica che se ne deve fare interprete. Per me "operaio" vale quanto avvocato, e se vota lega non ha mal di pancia. E' fascista.

Anonimo ha detto...

Riprendo e rilancio la domanda che Shylock rivolge ad Eugenio:

"Per informazione, i tuoi figli a che scuola li mandi, in UK?"

Eh si, perche' io e mia moglie per garantire un futuro alla nostra "creaturina" abbiamo cambiato casa due volte per riuscire ad iscriverla "legalmente" in quanto residenti nello stesso distretto postale di una scuola ritenuta "decente" dove la "bambolina" dovrebbe imparare qualcosa e non sentirsi "indietro" quando incontra le parenti italiane che fanno gli stessi corsi in normalissime scuole italiane dell'"Italia media", in una "provincia media", in una "classe sociale media".
E come milioni di altri britannici della odiosissima "classe media" stiamo facendo sacrifici notevoli per assicurarle un' "istruzione media".
Esattamente quello che ha fatto l'ex "albanegra" e Membro del Parlamento Diane Abbott che dal ghetto di Hackney prende i voti e quindi lo stipendio di parlamentare con gli "arrotondamenti" di cui il Daily Telegraph ci tiene sempre aggiornati, ma i figli nel ghetto albanegro non ce li manda proprio. E questi sono i socialisti di sinistra (non quelli della "Terza Via" annacquata e incompetente che al governo da 12 anni hanno trascinato il Paese nel baratro).

Il nazi-fascio-leghista-blah-blah-blah Shylock dice cose condivisibilissime ed invito ancora gentilmente coloro che scrivono dall'estero a fare analogie un po' piu' obbiettive sull'umore dell'elettorato internazionale di fronte al fenomeno migratorio di massa ed il suo impatto sulle strutture sociali il cui mantenimento ci strozza fiscalmente e non produce risultati ne' apprezzabili, ne' soddisfacenti proprio perche' soggette a pressioni demografiche insostenibili.
Grazie.

Giuseppe Massignani.

Yossarian ha detto...

@Rosa: 'mah, boh, altro che in forma, ho due palle che sembrano mappamondi.'

Ti serve una vacanza.
Vieni a trovare zio Yossi e zia Rachel che un piatto di minestra calda ( con cumino!) da noi c'e' sempre. :-)

rosalux ha detto...

x yossarian:
ROTFL, attenti, non me lo dite due volte!

Yossarian ha detto...

@Rosa:
Ti serve una vacanza.
Vieni a trovare zio Yossi e zia Rachel che un piatto di minestra calda ( con cumino!) da noi c'e' sempre.

Detto fatto. Facci sapere :-)

@Giuseppe:

A Giuse', ma che te rode?

Vota BNP o 'l'uomo privo di idee', David Cameron, guardati tutte le puntate di Coronation Street ( Corrie) o Eastenders, vota a X Factor, leggiti il Daily Mail, ma non affettarceli in questa maniera.

Eugenio Mastroviti ha detto...

"Si', Eugenio, si': realizzare in vent'anni quello che negli USA si è fatto in due secoli, su basi istituzionali e culturali molto piu' solide e in un territorio immenso e semivuoto, chessarà mai."

A me basterebbe che quelli come te smettessero di cercare di *impedire* che si realizzi. Certo che c'è molta strada da fare: discuto l'idea che comportarsi da redneck dell'Alabama circa 1965 possa in qualche maniera aiutare

Incidentalmente: non sono un fautore del multiculturalismo spinto e della creazione di enclavi strettamente separate che poi finiscono per diventare ghetti di un altro tipo; d'altra parte ho la fortuna di vivere in un borgo che ha alcune fra le migliori scuole pubbliche del Regno Unito, eppure nella scuola elementare davanti a casa si parlano un totale di 35 lingue diverse. E se avessi figli farei carte false per mandarceli.

E il 90% di studenti stranieri in una sola scuola continua a non essere pulizia etnica.

Eugenio Mastroviti ha detto...

@Yossarian & Rachel: non le credete, ci son voluti tre anni di inviti ripetuti per farle passare un misero weekend a Londra.

Candide ha detto...

Mi pare aleggi come al solito il sospetto che sia tutto un complottodellasinistra.
Nella mia provincia ogni istituto ha una media di 60.000 eurini di credito verso il ministero, situazione assolutamente anomala e nuova anche nel panorama ormai avvezzo al peggio della scuola pubblica.
In sostanza le amministrazioni scolastiche sono costrette a stornare i fondi destinati, ad esempio, alle retribuzioni per le attività aggiuntive degli insegnanti o all’acquisto dei materiali necessari per poter effettuare i pagamenti più urgenti.

rosalux ha detto...

x mastroviti: in effetti perchè possa avvenire devono verificarsi condizioni impossibili, ovvero che io non abbia ne' troppo ne' troppo poco lavoro. E' una condizione rara quanto l'eclissi totale.

Anonimo ha detto...

@Eugenio: ah, ecco, la scuola non la frequenti ne' dall'interno ne' dall'esterno. Parli per sentito dire e per partito preso.
Tanto per spiegartene una che evidentemente non sai o decidi di non sapere, si arriva al 90 in _una_ scuola perche' nella _media_ si è già a percentuali altissime (partendo praticamente da zero pochi anni fa). Tant'è che l'idea di spalmare i bambini stranieri in percentuali ancora gestibili, tipo il 20-25%, in Veneto è stata bocciata dalla provveditrice regionale perchè inattuabile: tradotto in italiano, come chiunque abbia bambini in età scolare (o chiunque decida di non ignorare la realtà) sa, in tantissime scuole si è già ben oltre quella soglia. Hai voglia di rimescolare.
Quindi ribadisco il termine 'pulizia etnica soft' e il paragone con l'America. Siccome l'inglese lo sai, lì non c'è stata una semplice colonization (come in India) ma un settlement, ovvero la rapida sostituzione della popolazione indigena (non necessariamente sparandogli addosso) con altra d'importazione.

Shylock

Anonimo ha detto...

giusto per ribadire il punto fatto in altro thread:
si parla di scuola e shylock & C. trasformano istantaneamente la discussione in una filippica contro gli immigrati.
vedi cosa stavo cercando di spiegarti shylocchino? sei, siete, ossessionati dall'immigrazione e qualunque altro problema è meno importante per voi. io non vi capisco. lasciamo perdre poi il fatto che chi "raves and rants" (per usare l'espressione UK) contro gli immigrati caso strano urla e strepita contro i disperati e i poveri, non certo contro il milionario russo che piazza il suo barcone nei nostri porti.
quello che vi fa schifo è la povertà. non volete sapere che esiste, non volete vedere che esiste.
poi che il simpatico berlusca risolva i problemi come la spazzatura di napoli, cioè ammucchiandola a cielo aperto semplicente spostandola di due metri, basta che possa far dire ai suoi tg che ha fatto il miracolo questo è totalmente secondario no? l'importante è prendersela con i disperati. nel corso della storia è successo diverse volte: si chiama "cercare un capro espiatorio". perchè è più facile che impegnarsi contro i poteri e i responsabili reali. molto più facile.

LD

Eugenio Mastroviti ha detto...

Shylock, in pratica quello che stai cercando di dire è che in Italia gli immigrati sarebbero il 90% della popolazione? Sei ubriaco. Ne riparliamo quando ti passa. Oppure l'immigrato sei tu, quindi muto sennò la ronda cingalese ti spranga.

Per il resto: non avevo capito che qui erano autorizzati a parlare solo i ministri e funzionari della pubblica istruzione, credevo bastasse leggere i giornali e i rapporti del governo e sapere come vanno le cose nelle scuole del tuo quartiere grazie sia a conoscenza personale che a documenti pubblicati dall'amministrazione locale. Le league tables danno le scuole di Barnet in cima alle classifiche nazionali, sicuramente è un complotto degli albanegri comunisti che controllano il Paese dopo la pulizia etnica, ma secondo me qualcosa vuol dire lo stesso. La composizione etnica delle scuole, anche, è matter of public record e per quanto anche questo sia un dato sicuramente falsato dal complotto mondialista comunista per il meticciato albanegro, in quella scuola elementare ci sono alunni che provengono da 35 cazzo di gruppi linguistici diversi che (di nuovo) qualcosa vorrà pur dire.

Paolo Bizzarri ha detto...

@rosa:
"Per me "operaio" vale quanto avvocato, e se vota lega non ha mal di pancia. E' fascista."

Ovvio. Mica ti puoi sporcare a domandare e guardarti in giro? Tu hai già la risposta: se ho mal di pancia, ALLORA sono fascista e ti tratto da fascista. Mica ho un problema di cui parlare.

Vogliamo parlare della scuola elementare di Roma? Bene, quello statisticamente parlando è un assurdo. NON E' POSSIBILE CHE ESISTA. Il ministero da percentuali di bambini stranieri al massimo al 10%. E nelle elementari. Qui abbiamo una scuola con il 90% di bambini stranieri. Cosa è successo?

E' successo che il problema dell'integrazione è stato simpaticamente fatto scalare verso il basso: si è detto che ci vuole l'integrazione, e poi si è ignorato il fatto che questo creava problemi, e che non c'erano risorse per risolverli (o non si intendevano mettercele).

Come si rimedia quando il problema scala verso il basso? Ovvio, lo si confina. Si fa la scuola ghetto riempita di bambini stranieri, dove se ci vanno gli italiani sono gli italiani sfigati, e poi si fa finta che il problema non ci sia.

Non è una cosa nuova: si faceva pari pari con i ragazzi difficili, che venivano buttati fuori dai licei e scaricati negli istituti tecnici.

L'operaio che ha pochi soldi che fa? Deve mandare il figlio alla scuola vicino e comoda, con il risultato che lui si ritrova ad accollarsi il problema dell'integrazione di tutti gli altri, che STRANAMENTE non hanno bambini stranieri nelle classi dei loro figli. E se si incazza tu gli dici che è fascista.

GUARDA CASO, non ha voglia di votare per il PD.

Anonimo ha detto...

Eugenio, quindi _una_ scuola ex italiana (aka etnicamente ripulita) non fa testo, _una_ inglese multietnica di successo invece sì.
Ebbé, si vede che con le cifre hai problemi:
"in pratica quello che stai cercando di dire è che in Italia gli immigrati sarebbero il 90% della popolazione?"
No, io ho detto che al di là del caso limite del 90%, le percentuali reali sono comunque molto alte, in modo inversamente proporzionale alle classi d'età: qui a Nordest, si veleggia verso la metà per le elementari, in una superiore dove insegno io siamo invece al 15%.
Se la demografia non è un'opinione sì, magari tra un po' le ronde cingalesi sprangheranno gli indigeni che non si decidono ad estinguersi, senza che agli stessi sia mai stato chiesto se volevano essere espropriati del proprio territorio: del resto, da che mondo è mondo, il parere dei colonizzati non è rilevante.

Shylock

rosalux ha detto...

"Tu hai già la risposta: se ho mal di pancia, ALLORA sono fascista e ti tratto da fascista."

Mai detto questo. Se voti lega sei fascista. E razzista. Anche se sei operaio.

Un operaio ha la stessa identica responsabiltà in un urna elettorale di un avvocato o di un dentista, e pensare che non sia così significa essere snob, elitari e veteromarxisti. E francamente credo che sia quello, il motivo per cui non hai voglia di votare il PD.

Paolo Bizzarri ha detto...

@rosa: un cittadino ha diritti e responsabilità: ha diritto ad avere una rappresentanza politica che ascolti i suoi problemi e provi a risolverli (a proposito, come è che te sull'argomento non rispondi mai?).

Ha il dovere di selezionare la migliore classe politica possibile. SEMPRE, non semplicemente alle elezioni.

In questo momento, la scelta è molto semplice: fra una classe politica che RIFIUTA di vedere i problemi e una classe politica che li affronta in modo spesso discutibile (quando non disgustoso).

Mi piacerebbe scegliere in un mondo diverso. Il mondo di adesso è questo.

Eugenio Mastroviti ha detto...

@Shylock: non *una* scuola, ma *le* scuole di un grosso borgo di Londra. Che ha la fortuna di essere ricco. Certo, le scuole di Little Bangladesh a Whitechapel fanno cagare; ma facevano cagare anche quando l'accento degli studenti non era bengalese ma cockney, perchè il problema sono i soldi, non il colore della pelle. Whitechapel è sempre stata un ghetto; prima per bianchi, variamente ugonotti, ebrei, cattolici e via dicendo, adesso per bruni, variamente sikh, indù o musulmani. E ovviamente anche qui c'è sempre stata gente come te che strillava all'invasione: di ugonotti - che vivevano lì perchè erano bravi tessitori e i sarti di Londra, che allora era solo la City, non volevano 'sti immigrati che gli rubavano il lavoro - di ebrei - che ammazzavano i bambini cristiani per berne il sangue - di cattolici - tutti agenti segreti papisti, ovviamente - e così via.

E la pulizia etnica, noto, continua a latitare se non nei sogni bagnati di chi vorrebbe prendere le armi per opporcisi - del resto, anche i signori che hanno lanciato la moda del termine hanno preso le armi solo per "difendersi" da quei musulmani che figliavano come animali.

Anonimo ha detto...

Eugenio, quello che continua a latitare sei tu, sulle cifre italiane.

Shylock

amaryllide ha detto...

la cretina ha risposto:
"non ci sono soldi? Colpa vostra"
http://www.repubblica.it/2008/09/sezioni/scuola_e_universita/servizi/gelmini-2/gelmini-contro-presidi/gelmini-contro-presidi.html

questi vogliono davvero il bagno di sangue, altro che storie...

PS: ma ricordavo male io o tu eri di Torino?

rosalux ha detto...

x amaryllide.
Ho letto, infatti volevo farci un post. Sono nata a Torino ma vivo a Roma.