venerdì 29 febbraio 2008

sionismi

Un post che condivido, del mio amico MMAX.

La pretesa politica che Israele sia "il bastione armato dell'occidente" o che debba essere "una simpatica repubblica paciosa che si fa impiombare" sono delle attribuzioni che non gli competono e che ledono il principio di autodeterminazione del popolo ebraico.
In buona sostanza Israele è un Diritto non un Primato carico di significati terzi , significati che non gli appartengono.

3 commenti:

Palmiro Pangloss ha detto...

Non sono daccordo con la chiusura: cosa vuol dire che Israele (ma vale per l'Italia o le Fiji o la Palestina o Sarcazzostan o qualsiasi altro stato) "è un diritto"? Uno stato è nella misura in cui esiste nelle sue componenti di popolo, territorio e organizzazione politica, il resto e' fuffa. Israele (ma vale per l'Italia o le Fiji o la Palestina o Sarcazzostan o qualsiasi altro stato) e' nato perche' un popolo controllava un territorio e si riconosceva in un governo. Full stop.

zauberei ha detto...

Per quanto ci piacerebbe, è difficile controllare i significati che il mondo ci da, e la storia e le parti politiche in gioco. Nel caso specifico mi pare quais impossibile.

pim ha detto...

lo Stato di Israele è un diritto prima e più del diritto all'esistenza di qualsiasi altro stato.